Lc 11, 29-32
 
In quel tempo, mentre le folle si accalcavano, Gesù cominciò a dire:
«Questa generazione è una generazione malvagia; essa cerca un segno, ma non le sarà dato alcun segno, se non il segno di Giona. Poiché, come Giona fu un segno per quelli di Nìnive, così anche il Figlio dell’uomo lo sarà per questa generazione.
Nel giorno del giudizio, la regina del Sud si alzerà contro gli uomini di questa generazione e li condannerà, perché ella venne dagli estremi confini della terra per ascoltare la sapienza di Salomone. Ed ecco, qui vi è uno più grande di Salomone. Nel giorno del giudizio, gli abitanti di Nìnive si alzeranno contro questa generazione e la condanneranno, perché essi alla predicazione di Giona si convertirono. Ed ecco, qui vi è uno più grande di Giona».

Giona resto’ tre giorni nel ventre del pesce perché si rifiutava di obbedire al comando divino di predicare la conversione ai niniviti. Gesù al contrario resta tre giorni nel ventre della terra per il rifiuto di diversi potenti giudei. Il segno di Giona dunque sembra nelle parole di Cristo indicare un Messia che, agli occhi di questi dominatori, non vuole venire. Eppure i gli abitanti di Ninive si convertirono all’annuncio di Giona. Certuni dell’epoca di Gesù non si convertirono nemmeno dopo la sua morte e risurrezione, non accogliendo la grazia che di lì veniva donata.