Lc 4, 31-37
 
In quel tempo, Gesù scese a Cafàrnao, città della Galilea, e in giorno di sabato insegnava alla gente. Erano stupiti del suo insegnamento perché la sua parola aveva autorità.
Nella sinagoga c’era un uomo che era posseduto da un demonio impuro; cominciò a gridare forte: «Basta! Che vuoi da noi, Gesù Nazareno? Sei venuto a rovinarci? Io so chi tu sei: il santo di Dio!».
Gesù gli ordinò severamente: «Taci! Esci da lui!». E il demonio lo gettò a terra in mezzo alla gente e uscì da lui, senza fargli alcun male.
Tutti furono presi da timore e si dicevano l’un l’altro: «Che parola è mai questa, che comanda con autorità e potenza agli spiriti impuri ed essi se ne vanno?». E la sua fama si diffondeva in ogni luogo della regione circostante.

La Parola di Gesù toccava il cuore con sapienza nello Spirito. E oggi? Gesù non ha scritto forse anche perché Lui non comunica in astratto ma con amore specifico a persone specifiche. Anche a noi parla in profondità nella grazia, a ciascuno in modo diverso anche tramite una stesso brano evangelico per esempio ascoltato la domenica. Aprendoci il cuore alla vita, liberandoci gradualmente dalle ferite, dalle strutturazioni della mentalità, della cultura, umana, come le risposte prefabbricate, i moralismi. Dio ci parla, un dono infinito da cui non finiamo di ricevere vita, luce, amore, meravigliosi, sereni.